[social_warfare] Buongiorno Amici, Domenica 25 luglio calda e strepitosa in tema di gare e amicizia, specialmente per noi. La foto di copertina del racconto, a mio avviso, indica proprio questo: la sincronia del passo, il darsi il ritmo a vicenda e allo stesso tempo il concepire la corsa non solo come sport amatoriale, ma come unione e condivisione di momenti di vita. Questo è ciò che troverete sempre sotto al nostro gazebo... Oltre alle golosità per il terzo tempo ;). Tornando alla gara, a Ladispoli erano presenti 48 bradipi ben assortiti,  graziati dal meteo in quanto qualche bella nuvola ha coperto il sole battente. Inoltre sul percorso erano attivi diversi punti ristoro con acqua oltre all'acqua vaporizzata per rinfrescare i partecipanti. Come abbiamo già detto più volte in precedenza, il rientro alle gare non è semplice per tutti, ma il circuito favoriva la velocità specialmente nell'ultimo chilometro con vento in poppa e una leggera discesa. Molti i bradipi a premio di categoria e anche questa volta il primo posto per Società è stato nostro a conferma dell'ampia partecipazione al gruppo. Le emozioni sono state tante, Daniela che finalmente è rientrata in gara, dopo la sua lunga assenza e al suo primo traguardo è stata scortata da Alessio e Max;  Daniele dopo un lungo infortunio ha potuto finalmente correre la sua prima gara, provando così l'emozione di mettere la maglia neroverde. Anche Carmela dopo una lunga assenza è di nuovo tra noi. Massimiliano cuore emotivo della squadra, che oltre a correre ha motivato tutti gli atleti che provavano a camminare sul percorso.. Dopo le premiazioni, chi ha potuto si è trattenuto al mare per dare seguito al relax domenicale. E proprio fronte mare che ci sono arrivate notizie dall'Abruzzo (Tre Comuni) e dal Gran Sasso. Partiamo con la Tre Comuni, gara molto articolata con partenza da Rivisondoli, passando per Roccaraso e Pescocostanzo con  ritorno a Rivisondoli, il tutto in 15 km di pura adrenalina, corsa in quota tra i 1200 e i 1500 mt. I nostri Claudio Migliorati e Daniele Iossa si sono  imbattuti in atleti molto forti, su un percorso ricco di varianti: lastroni sampietrini scalini (400 circa) oltre alle salite  discese impegnative. Daniele riesce ad arrivare 9° di categoria. Sulla 50 Gran Sasso troviamo 8 bradipi coraggiosi.  Essendo un Trail lungo, implicitamente impegnativo. Si parte con il giro del paese, con una salita e gli immancabili amici dei podisti: i sampietrini! che spezzano subito le gambe. Si prosegue con 15 km di discesa e altri 20 di salita continua che hanno fatto la differenza su molti atleti.  Dopo la località Forte Ventica si sono ritrovati raffiche di vento fortissime che quasi non teneva in piedi gli atleti. Al 30° un pò di pioggia e di mal tempo in generale che ha però "rinfrescato" il gruppo. e al 40° .. niente arrosticini, probabilmente causa misure contenitive per il covid non è stato possibile organizzare. Ma il paesaggio vale ogni singolo metro, così come la medaglia di legno dipinta a mano. Il nostro Axel infortunatosi il giorno prima ha comunque portato a termine anche questa impegnativa impresa, Valentina grata a se stessa per  aver concluso la sua ennesima gara ha tagliato il traguardo piangendo felice. Bravissimi tutti quanti. E anche questo fine settimana è stato ricco di emozioni per noi, e sono grato al gruppo perché riesce a mantenere vivo questo spirito.